_DSC4388.JPG

Su Zonca Ecovillaggio

Zonca è un rustico e pittoresco villaggio alpino situato a pochi chilometri dal “Parco Naturale dell'Alta Valle Antrona.” Il paese fu in gran parte abbandonato durante gli anni '60 quando molti giovani andarono a vivere a Domodossola per avvicinarsi all'industria siderurgica, importante datore di lavoro. Molti italiani anziani che avevano vissuto nel paese trovarono la vita sempre più difficile senza una strada di accesso e così il paese cadde in rovina.

L'assenza di una strada di accesso (che è stata completata solo nel 2009) assicura il carattere unico di Zonca con i suoi numerosi ruderi. Semplicemente non c'era modo di mantenere gli edifici con così poche persone che sceglievano di rimanere nel villaggio. Gli anziani del posto ricordano che un tempo il villaggio ospitava 350 persone. Confronta questo con i venti cittadini stranieri che attualmente vivono lì e la portata dei cambiamenti che il villaggio ha subito diventa evidente.

Alcune case di Zonca hanno più di 400 anni. Il villaggio è stato riscoperto negli anni 90 e successivamente ha acquisito una nuova popolazione di cittadini prevalentemente svizzeri e tedeschi con un'infarinatura di altre nazionalità. I nuovi arrivati erano attratti dall'ambiente sano della foresta, dal silenzio e dalla libertà.

Villaggio o comunità?

 

Tutte le proprietà del villaggio sono di proprietà privata e la maggior parte degli abitanti sono lavoratori autonomi o con mezzi indipendenti. Sebbene le persone lavorino insieme quando necessario, ad esempio ripulendo e curando vialetti e terrazze, ogni famiglia ha i propri giardini. Inoltre, alcune persone allevano capre, pecore, galline e c'è persino un lama. I proprietari delle capre producono e vendono formaggio. Le capre sono sulle alpi durante i mesi estivi.

A causa della proprietà privata della proprietà, gli abitanti dei villaggi non si considerano una comunità. Questo può creare confusione per i visitatori che a volte pensano che, poiché viviamo così vicini, formiamo una comunità. Tuttavia, ogni nucleo familiare mantiene la propria indipendenza anche se non sempre è chiaro dove siano i confini.

Volontari

Durante i mesi estivi alcune famiglie ospitano volontari che aiutano a riparare e mantenere giardini, terrazzi, tetti e così via.

Dove sono gli italiani?

Attualmente alcuni indigeni mantengono una presenza nel villaggio anche se non vivono qui. La lingua franca nel villaggio è quindi il tedesco (svizzero), sebbene molti parlino anche inglese e italiano.

Eventi

A settembre Zonca celebra un festival di tre giorni che include musica dal vivo e pizza. A dicembre la gente del posto organizza una festa per Santa Lucia davanti alla chiesa.

Ristrutturazioni

Oggi, diverse proprietà sono abbandonate o stanno per diventare rovine. Spesso le fondamenta sono completamente ricoperte di vegetazione. Questo stato fatiscente del villaggio rappresenta una sfida perché le case sono costruite l'una vicino all'altra.

La manutenzione di tetti e pareti è una priorità. Questo vale anche per i muri dei terrazzi che crollano regolarmente quando gli alberi cadono a causa del vento o della neve. Altro impegno ricorrente è quello della manutenzione dei pascoli, della cura della vite e del giardinaggio in genere. Dobbiamo anche occuparci dell'approvvigionamento idrico e assicurarci che sia sicuro da usare. Durante la primavera e per tutta l'estate, tagliare e spaccare la legna è una necessità assoluta per garantire che ci sia abbastanza legna per riscaldare le case in inverno, quando può esserci neve alta e le temperature possono scendere fino a -10°C.

Servizi

 

 

Diverse case ora riscaldano l'acqua con pannelli solari. C'è anche una doccia solare in cima al villaggio. La “Casa Ambientale” è una delle case più grandi. C'è un bagno in cantina che vanta sia un boiler elettrico che una stufa a legna per il riscaldamento dell'acqua. La casa è di proprietà privata e l'accesso al bagno è riservato agli ospiti e ai volontari. Nel centro del paese è appena stato installato un nuovo scaldabagno solare, con sauna e doccia aperte al pubblico per donazione volontaria. 

Elettricità

 

Una casa nella parte alta del villaggio è dotata di pannelli solari elettrici. L'elettricità dalla rete è disponibile anche come trifase e bifase 220 volt.

 

Wifi

 

Zonca ha Internet anche se la ricezione del telefono è un po' imprecisa. L'accesso Wi-Fi è disponibile per i visitatori su richiesta. Almeno 4 case ora hanno le proprie connessioni Internet.

 

Struttura ricettiva

 

A Zonca ci sono varie possibilità di alloggio. Gli ospiti sono i benvenuti e sono tenuti a contribuire con almeno € 15. - euro a persona a notte. Ci sono diverse camere disponibili in tutto il villaggio. Due case sono disponibili per l'affitto Airbnb e Socialbnb. Si tratta della 'Casa in Mezzo' e della 'Casa Ambientale'. Si prega di controllare le rispettive pagine su questo sito Web prima di effettuare una prenotazione.

Giardini e foraggiamento
 

Zonca è interamente circondata da antichi terrazzamenti, anche se molti sono ceduti e incolti. La zona offre buone prospettive per la coltivazione in permacultura. Il villaggio è situato sul versante soleggiato della valle. Questo ci permette di  coltivare un'ampia varietà di frutta e verdura. Stiamo ancora raccogliendo uva, kaki e kiwi a novembre. Un'altra fonte di cibo e possibilmente di reddito potrebbero essere le castagne che crescono abbondanti e maturano a settembre.

I giardini devono essere recintati per evitare che animali foraggiatori come cervi e cinghiali li distruggano.

Animali selvatici

La fauna selvatica che potresti incontrare a Zonca include cinghiali, volpi, martore, scoiattoli, cervi, donnole, ratti, scorpioni, topi e serpenti (sì, anche varietà velenose). Inoltre ci sono lucertole, salamandre, scorpioni (minuscoli), rospi, gufi, pipistrelli e falchi. Zanzare niente male, api e qualche grosso calabrone che si nutre prevalentemente di frutta.​​ Sebbene sia molto silenzioso sulla montagna, il mondo naturale aggiunge una certa cacofonia. Al tramonto e di notte puoi sentire i gufi a caccia. Al mattino i campeggiatori possono svegliarsi al canto degli uccelli.

Inverni

Gli inverni sono relativamente miti nel microclima della valle. I fichi sopravvivono grazie all'abbondanza di sole su questo lato della valle. Le temperature raramente scendono sotto i -10° centigradi, e solo per breve tempo. Da ottobre in poi la quantità di neve aumenta sensibilmente sulle vette più alte. Questa neve rimane visibile anche fino ad agosto. Tuttavia, la valle di Antrona era anticamente nota per tre qualità — Fama, Freddo e Fumo —, che significano fame, freddo e fumo in italiano! Durante le ondate di freddo l'umidità aumenta notevolmente. Fortunatamente, i moderni materiali isolanti e metodi di costruzione, insieme ai redditi più elevati delle persone che vivono oggi a Zonca, significano che non dobbiamo più sopportare tali difficoltà.

Curiosamente, Viganella, un paesino poco più a monte della valle, è situato in un'ansa del fiume e nei mesi invernali è quasi privo di sole. Le autorità locali hanno posizionato uno specchio sulla montagna per riflettere la luce del sole nel villaggio.

Sebbene gli inverni siano relativamente miti, le case tradizionalmente non erano molto calde e richiedevano un riscaldamento costante dai focolari. Molte case avevano delle stalle sotto di loro e il calore delle capre forniva una certa protezione contro il freddo, ma è solo ora, con i nuovi arrivati, che le case vengono adeguatamente isolate e riscaldate con moderne stufe a razzo che bruciano la legna in modo efficiente. Per avere un'idea della vita a Zonca durante l'inverno date un'occhiata al video qui sotto girato da Brigitte Weiss.